> CAPITOLO 6 < SCENT OF THE SEA

Scent of the Sea – Chapter 6

ALL LANGUAGES 👇

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=605569950393606&id=276785086605429

POST 6

🔮ANNO 2068 PIANETA TERRA – TERZO GIORNO: IL POTERE CONDIVISO🔮

Xavier Roncalli si riprese dallo shock del giorno precedente e visto che Ginevra le sembrò tutt’altro che scioccata, decise di continuare nella pratica della telepatia. Si doveva parlare quindi di pratica e non più di gioco, la questione era diventata seria, più che seria. Fecero colazione, ma questa volta diede l’onore e l’onere alla badante di prepararla. Poi Ludmilla uscì per fare delle compere. 

Xavier e Ginevra si sedettero come al solito in salotto.  Avevano già in testa le cuffie per la connessione telepatica.

🔮Da quale epoca storica provieni, precisamente, piccina?

🔮Terzo secolo avanti Cristo. Ero la terzogenita di una famiglia tribale Celtica, stabilitasi nella regione settentrionale dell’Italia.

🔮Eri felice come ora? sempre così sorridente?

🔮Si, ma poi… Xavier percepì un’improvvisa ventata di tristezza e con la mente le chiese: Cosa accadde?

🔮Sei sicuro di voler sapere cosa mi successe?

🔮Si piccola, ormai sono preparato a tutto.

🔮Allora chiudi gli occhi e viaggia con me nel tempo.

Xavier si trovò d’incanto, con lei, catapultato nel terzo secolo avanti Cristo. Vide la bambina che era sulla riva di un fiume, con i piedini in acqua, che cercava qualcosa e vide più a sud, due ragazzini che erano presi a pescare. A un certo punto vide che la piccola si allontanava pericolosamente dalla riva immergendosi pian piano nell’acqua e pertanto d’istinto urlò: «No Ginevra! Cosa fai!» Ma il vecchietto sapeva benissimo che non poteva fare nulla per evitare quello che stava succedendo. Poi sentì da nord un rumore di cascata e neanche il tempo di avvertire inutilmente la bambina, che fu sommersa completamente.

Nooo! Xavier si riprese dal teletrasporto nel tempo e abbracciò subito la bambina che lacrimava a dirotto.

🔮Ora sei qui con me piccina, non devi avere paura, finché avrò un alito di vita nel mio corpo, ti proteggerò, te lo prometto.

Prese dalla tasca dei pantaloni un fazzoletto e le asciugò delicatamente gli occhi e le sue gote rosee e le chiese sempre con la mente:

🔮I due ragazzini che pescavano erano i tuoi fratellini?

🔮Si, gli volevo bene.

🔮Cosa cercavi, così concentrata, nell’acqua del fiume?

🔮Una pietra, precisamente il sasso del sole. Era un regalo che volevo fare ai miei genitori.

Xavier, intenerito, l’abbracciò di nuovo e gli tornò in mente quel lontano 2017 quando sentì quell’incantevole profumo di mare in auto. Sapeva che i bambini nati dopo gli anni sessanta, erano affetti da una forte allergia invalidante da iodio marino e pertanto erano costretti a indossare delle maschere speciali per evitare gravi danni ai polmoni.

🔮Non hai mai visto il mare?

🔮No, mia mamma non ha ancora avuto la possibilità di portarmi e poi, come sai, c’è il problema dell’allergia da iodio.

🔮Certo cara, lo so, ma ora voglio fare una prova con te, andiamo indietro nel tempo, nel lontano 1999, quando io e mia moglie andammo a Minorca in luna di miele.

Ginevra vide Xavier e la moglie sdraiati sulla spiaggia di Cala Mesquida, in riva al mare. 

🔮Come eri giovane. Avevi tutti i capelli neri.

Xavier sorrise:

🔮Ovviamente si piccina. Stiamo parlando di ben sessantanove anni fa. 

🔮Come era bella tua moglie, anche lei con i capelli neri come te.

🔮Sì, anche la mia amata Sonia aveva capelli neri e occhi castani come me. 

La bambina notò che il suo sguardo si incupì ma poi fu distratta da un buon odore, precisamente da un deliziosissimo profumo di mare.

Tornò il sorriso al vecchietto:

🔮Lo senti anche tu Ginevra?

🔮Si, è buonissimo, è fantastico. 

Xavier fu felice di fare questo regalo alla bambina ma, suo malgrado, dovette concludere l’incantesimo:

🔮Ora però dobbiamo terminare qui, altrimenti potrebbe fare male ai nostri cervelli tutto questo, se troppo prolungato. Dobbiamo abituarci piano, piano. 

🔮Va bene, posso chiamarti nonno?

🔮Ma certo amore mio. 

Xavier l’abbracciò teneramente e pianse in silenzio. 

Ginevra, in soli due giorni, divenne la figlia e la nipote che non aveva mai avuto nella sua vita.

ALL LANGUAGES 👇

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=605569950393606&id=276785086605429

8 commenti

  1. Mirko ha detto:

    Capitolo molto emozionante

    Piace a 1 persona

  2. silvia ha detto:

    Sempre più bello 😉

    Piace a 1 persona

    1. carlobianchiorbis ha detto:

      Grazie Silvia e tu sempre più gentile 😘😘😘😘

      "Mi piace"

  3. valy71 ha detto:

    Nella vita, oltre a tante cose brutte, accadono anche miracoli

    Piace a 1 persona

    1. carlobianchiorbis ha detto:

      Grazie Valy, sempre molto gentile 😘

      Piace a 1 persona

  4. valy71 ha detto:

    Grazie Carlo, buona giornata ☺

    Piace a 1 persona

    1. carlobianchiorbis ha detto:

      Altrettanto a te 😉🌷

      "Mi piace"

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...